Sei un nuovo utente ?

IN REGIONE

Convegno ANCE Umbria su "Ecobonus e Sismabonus per la riqualificazione degli immobili"
4 Dicembre 2017 

Ecobonus e sismabonus per la riqualificazione degli immobili residenziali e produttivi - La grande opportunità per i condomìni” è il titolo del convegno promosso da Ance Umbria, in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Perugia, l’Associazione nazionale amministratori immobiliari condominiali e la Rete professioni tecniche, che si è svolto venerdì 1° dicembre scorso nella sede di Confindustria Umbria a Perugia .

Il patrimonio immobiliare italiano necessita di un profondo ammodernamento in termini di sicurezza, efficienza e qualità. Al fine di consentire un’ampia azione di prevenzione e adeguamento, la legge di Bilancio 2017 ha ridefinito e potenziato, fino al 2021, sia le agevolazioni fiscali per interventi edilizi antisismici, sia quelle per l’efficienza energetica degli edifici.

In particolare, il cosiddetto “Sismabonus” riguarda costruzioni destinate ad abitazione (prima e seconda casa) e ad attività produttive, nonché le parti comuni condominiali situate nelle zone sismiche 1, 2 e 3.

Inoltre, nel caso di interventi sui condomìni, la possibilità di pagare le spese attraverso la cessione del credito fiscale risolve, in gran parte, il problema del finanziamento di tali operazioni, rendendo il meccanismo molto conveniente per le famiglie. Proprio per facilitare il pieno utilizzo dell’ecobonus e del sismabonus nei condomìni, da un accordo tra ANCE e Deloitte è nata la piattaforma finalizzata a far incontrare in un ambiente sicuro i titolari dei crediti d’imposta con i soggetti terzi potenziali investitori.

Obiettivo del convegno era, dunque, quello di far conoscere il funzionamento delle agevolazioni e di sensibilizzare le imprese di costruzioni, i professionisti e gli amministratori di condominio sulle rilevanti opportunità che derivano dal rinnovato sistema degli incentivi, anche alla luce delle novità che saranno introdotte dalla legge di Bilancio 2018.

Ciò che serve, infatti, è una vera sinergia tra tutti gli attori della filiera perché si possa finalmente giungere all’auspicato avvio di un diffuso processo di riqualificazione e messa in sicurezza del patrimonio edilizio esistente.

Si riportano, in allegato, le slide dei relatori Dello Iacono, Piciocchi e Materazzi